De-meccanizzazione-e-maschera-sociale

“Un generale mangia come un generale, cammina come un generale, fa l’amore come un generale”
(Wilhelm Reich)

Le parole di Reich risultano abbastanza esplicative da aiutarci a comprendere cosa si intende per “meccanizzazione”. Questo concetto riguarda vari elementi: sensoriali, muscolari, relazionali, emotivi, intellettivi, psicologici.
La maschera sociale è intesa da Augusto Boal come l’insieme delle meccanizzazioni del proprio essere, dovuto a sua volta all’insieme dei ruoli sociali ricoperti.
Questo concetto può essere in parte paragonato a quella che Reich chiamava “armatura caratteriale”, definita anche in termini corporei come “corazza muscolare”.

Il lavoro sulle proprie rigidità e di conseguenza l’esplorazione della propria maschera sociale, aiuta ad analizzarsi e trasformarsi innanzitutto a livello fisico.
Questo tipo di lavoro rappresenta una possibile strada per risvegliare la propria persona e renderla libera di vivere pienamente e di agire socialmente.

Torna a Teatro dell’Oppresso