Il piacere in un attimo. Il disturbo dell’eiaculazione precoce

Disturbi sessuali

Il termine eiaculazione indica la fuoriuscita di liquido seminale (sperma) dall’uretra e generalmente questo fenomeno fisiologico è nell’uomo associato all’orgasmo.
Quando l’orgasmo viene raggiunto abbastanza velocemente, spesso si tende a parlare di eiaculazione precoce, anche in assenza di questo problema. La prima cosa da fare è dunque comprendere se ci si trovi davvero di fronte ad un disturbo di questo tipo, perchè il termine “precoce” può essere utilizzato in maniera impropria.
Precoce rispetto a cosa? Rispetto a chi? In relazione a quali parametri?
In alcuni casi può accadere che un uomo si ponga queste domande senza riuscire a trovare una risposta, senza avere internamente una chiarezza su quello che gli sta realmente accadendo: “avrò un problema di eiaculazione precoce, oppure i miei tempi sono normali?”

Detto ciò, è bene sapere che l’eiaculazione precoce si riferisce esclusivamente all’impossibilità/incapacità di ritardare l’eiaculazione durante un rapporto sessuale, per cui questa avviene in meno di un minuto dalla penetrazione, dalla masturbazione o altro.
A livello energetico, questo fenomeno si manifesta quando la persona sente un carico di sovra-eccitazione che non riesce a contenere.

Sicuramente l’eiaculazione precoce non è di per sè una malattia ma è soltanto un sintomo che, come tale, rappresenta la manifestazione di qualcosa che non va; ogni sintomo ha infatti un suo significato e quindi il lavoro da fare è cercare di scoprirlo.

Facciamo degli esempi.

Generalmente l’eiaculazione precoce può essere considerata un disturbo d’ansia e in questo senso può essere l’espressione emotiva di cose diverse:
ci si sente inadeguati a soddisfare una donna; ci si sente insicuri o inferiori e quindi non all’altezza della propria partner; non si riesce a controllare e a gestire un’emozione, un desiderio o un’eccitazione troppo intensa.

In altri casi, l’eiaculazione precoce potrebbe coprire il timore di un contatto intimo e profondo in senso più ampio, ovvero relazionale e affettivo. Siccome, nella sessualità, l’intimità ed il contatto dovrebbero o potrebbero esprimersi al loro massimo livello, il sintomo si manifesta proprio nella sfera sessuale.

Ad un altro livello, il significato di questo disturbo può essere letto non solo in termini personali, ma anche in un’ottica di coppia.
L’eiaculazione precoce potrebbe essere ad esempio una reazione inconsapevole di fronte ad una donna sfuggente che non lascia il tempo di farsi amare, oppure l’espressione della rabbia nei confronti della partner che viene in questo modo privata del piacere.
Inoltre, sempre in un ambito di coppia, l’eiaculazione precoce dell’uomo potrebbe svolgere anche una funzione protettiva nei confronti di una donna che ha difficoltà a raggiungere l’orgasmo: in questo caso, il sintomo dell’uomo non lascia letteralmente il tempo alla donna di scoprire e manifestare la propria difficoltà.

Naturalmente questi sono solo degli esempi.
Il significato di un sintomo può essere scoperto e analizzato solo in relazione alla storia personale di ogni singolo individuo e non può in alcun caso essere generalizzato.

Tuttavia, nonostante questa verità, possiamo riconoscere un elemento in comune che nell’eiaculazione precoce risulta costantemente presente: il fatto di concedersi il piacere soltanto per un attimo.
Questo è un vero peccato perchè il piacere (non solo sessuale, naturalmente) è un diritto di tutti; la domanda da porsi è quindi come mai non ci si sente liberi di restare nel piacere per un tempo più lungo: non ce lo meritiamo? non ne siamo degni? ci vergogniamo? perdiamo il controllo? abbiamo la tendenza a fare tutto di fretta e quindi non ci godiamo niente?

Queste possono essere delle riflessioni che meritano un tempo di approfondimento, il tempo di fermarsi per provare a recuperare il piacere della vita senza averne paura.

Per saperne di più o prendere un appuntamento contatta la Dr.ssa Giovannelli chiamando il 3464382163 oppure scrivendo una mail utilizzando il modulo qui sotto

CONTATTI

Per contattare la Dott.ssa Giovannelli telefonare al 346/4382163 oppure utilizzare il modulo in basso

RICHIESTA INFORMAZIONI